In un mondo in cui le banche centrali emettono valute digitali, il bitcoin e la Bilancia possono trovare un posto

Il bitcoin di Cryptocurrency e la Bilancia sostenuta da Facebook potrebbero giocare un ruolo in un mondo in cui le banche centrali a livello globale iniziano a emettere le proprie valute digitali, ha dichiarato un ex top banker centrale al podcast della CNBC „Beyond the Valley“.

Mentre entrambi hanno avuto i loro critici

Mentre entrambi hanno avuto i loro critici, Raghuram Rajan, ex governatore della Reserve Bank of India, ha detto che le due valute digitali potrebbero avere un posto quando le banche centrali entreranno nella mischia.

„Mi piace pensare che queste valute private siano anche in competizione con la moneta digitale della banca centrale“, ha detto Rajan al podcast della CNBC „Beyond the Valley“.

Le valute digitali avranno probabilmente grandi implicazioni per il ruolo che le banche centrali e gli istituti di credito al dettaglio svolgono nel mondo e potrebbero cambiare il volto dell’intero sistema finanziario.

Mentre l’idea è ancora in discussione, le banche centrali probabilmente pubblicherebbero versioni digitali delle monete fiat. La People’s Bank of China sta già facendo dei progetti pilota, mentre altre banche centrali stanno valutando se emetterne una propria.

Il Bitcoin è una moneta criptica „decentralizzata“, il che significa che non ha un’autorità centrale che ne disciplini l’emissione, a differenza delle monete fiat. È costruito sulla cosiddetta tecnologia a catena di blocco, che al suo livello più semplice, è un immutabile registro pubblico di transazioni bitcoin. Il bitcoin è stato spesso criticato come un bene speculativo. Il leggendario investitore Warren Buffett ha detto all’inizio di quest’anno che non ha „alcun valore“.

La Bilancia adotta un approccio più centralizzato. È un progetto che è stato proposto da un consorzio di aziende guidato da Facebook l’anno scorso. Ma la Bilancia ha ricevuto pesanti critiche da parte delle autorità di regolamentazione, in particolare a causa dei suoi legami con Facebook e della sua torbida storia di privacy dei dati.

L’idea è che la Bilancia sia una cosiddetta „moneta stabile“

L’idea è che la Bilancia sia una cosiddetta „moneta stabile“, sostenuta da un paniere di valute globali. Ciò manterrebbe stabile il suo valore in contrasto con la volatilità che si è vista nel bitcoin. La Bilancia ha ridimensionato alcune delle sue ambizioni. All’inizio di quest’anno l’Associazione Bilancia ha chiesto l’approvazione delle autorità di regolamentazione per l’emissione di una moneta digitale sostenuta da una sola valuta. Ciò significa che la moneta digitale del consorzio potrebbe essere equivalente a un euro o a un dollaro statunitense, per esempio.

Rajan ha detto che il bitcoin è un „bene speculativo“ piuttosto che uno che viene utilizzato per transazioni su larga scala. Ha detto che gli investitori si sono spesso affezionati al bitcoin quando le attività tradizionali come le obbligazioni sono meno attraenti.

„In questo senso, il bitcoin è un po‘ come l’oro, infatti, l’oro ha un certo valore perché lo valutiamo per i gioielli, ma il bitcoin non si può nemmeno fare. Tuttavia ha valore perché altri pensano che abbia valore“, ha detto Rajan.

„D’altra parte, la Bilancia è un tentativo di creare una moneta che viene utilizzata per le transazioni. E questo, l’idea non è quella di tenerla come un bene speculativo che aumenta di valore… ma di usarla per le transazioni“. Quindi il valore di fondo ultimo sarà quello delle banche centrali, che conserveranno il valore, non della Bilancia, ma di ciò in cui la Bilancia può essere scambiata“, ha aggiunto.

L’ex banchiere centrale ha detto che avere una moneta digitale privata che ha un „monopolio“ sarebbe „problematico“. Ma alla fine ci saranno monete digitali private concorrenti con ruoli diversi.

„Quindi la linea di fondo, secondo me, è che le diverse valute private faranno cose diverse e potrebbe essere che il bitcoin abbia valore solo come riserva di valore, o come attività speculativa. Mentre la Bilancia può essere il tipo di valuta più utilizzato per le transazioni“, ha detto Rajan.

I dati riguardano

Una delle grandi sfide delle valute digitali è la quantità di dati che ne deriva.

„Vi fidate altrettanto della banca centrale per quanto riguarda i dettagli di ogni transazione che effettuate? Il governo dovrebbe saperlo? Il bello del denaro contante nelle nostre mani, è che è anonimo. Anche se non stai facendo qualcosa di illegale non vuoi che il governo veda tutto quello che fai“, ha detto Rajan.

Lo stesso vale per le valute digitali private. Ma Rajan ha detto che potrebbe essere necessario „integrare i dati“ tra queste valute digitali concorrenti „perché non si vuole che il tutto venga balcanizzato“.

Ha aggiunto, tuttavia, che ci sono diverse domande a cui rispondere su come salvaguardare quei dati.

Abbiamo bisogno di una sorta di regole del gioco globali più ampie“. Cosa faranno i Paesi con i dati raccolti all’estero su chi usa la loro valuta? Come farete in modo che ci siano le solite salvaguardie su quell’uso? Se qualcuno usa una valuta digitale straniera per acquistare determinati servizi che potrebbero comprometterli, può essere soggetto a spionaggio e ricatto, eccetera? E queste sono preoccupazioni che non sono inverosimili nel mondo di oggi“, ha detto Rajan alla CNBC.